venerdì 3 agosto 2012

Ultime letture mangose + Moda Viennese

Eccoci qui con l'aggiornamento sulle ultime letture manga e quattro chiacchere !
Occhio agli SPOILERS!!!!

More
Finalemente sono riuscita a recuperare questo gioellino! I Giorni della sposa! Adoro Kaoru Tada: Victorian Romance Emma è tra i miei manga preferitissimi!
Qui lo stile è migliorato nettamente, mantenendo una cura maniacale per i dettagli!
L'edizione della J-Pop è buona: sovraccopertina senza pagine a colori, sono 6 euro ben spesi perchè questo seinen è davvero un piccolo gioiellino!
Iniziamo subito con tavole senza dialoghi, che ci fanno immergere subito nella storia: siamo nell'Asia centrale del diciannovesimo secolo, in una città di provincia nei pressi del mar Caspio.
Lei è Amira Hargal di venti anni, otto in più rispetto allo sposo Karluk Ayhan.
Amira è una giovane donna forte, dinamica, indipendente cresciuta presso di un popolo che probabilmente è rimasto isolato dagli altri. Amira sa tirare l'arco, scuiare gli animali cacciati, cavalcare, cucire abiti, cucinare, arredare la casa...Si rivelerà infatti essere molto preziosa per la famiglia-clan dello sposo, presso cui vivono e in cui è stata accettata e viene trattata come una figlia.
Amira è molto spontanea e a volte irruenta, il suo giovane sposo sembra quasi "intimidito" e molte volte rimane in silenzio non sapendo come comportarsi con la moglie.
Ma i due si avvicinerrano un po' di più durante il breve viaggio verso il luogo dove lo zio di lui, un nomade che si occupa prevalentemente di allevamento di capre, ha stanziato la sua famiglia-clan.
Rimarranno ospiti qualche giorno presso le tende dei parenti, in cui saranno accolti calorosamente e festeggiati per le loro nozze. I due sposi contribuiranno ad aiutare nel lavoro e nella caccia, tornando poi in città carichi di lana, frutta, stoffe...Come se fossero andati al mercato.
Durante la loro assenza, però, il fratello di Amira andrà dalla sua nuova famiglia per riprendere indietro la sorella, per rimediare l'errore di averla data in sposa a questa famiglia ( non si è capito molto ma probabilmente c'è stato qualche accordo/rivalità tra le due famiglie che probabilmente verrà svelato in qualche flashback nei prossimi numeri).
Ormai Amira fa parte della famiglia di Karluk e non può tornare indietro, il fratello di lei però controbatte dicendo che se non ha ancora partorito di fatto e secondo la legge, lei e Karluk non possono essere definiti sposi a tutti gli effetti...La lite viene interrotta dallo scocco di una freccia in mezzo ai due uomini, lanciata dalla "vecchia mater familias" dicendo agli ospiti poco graditi di andarsene e di lasciare in pace Amira e di come avrebbero potuto essere responsabili di un aborto della ragazza, alludendo così (cosa non vera) ad una sua attuale gravidanza.
Pochi giorni dopo tornano così i due sposi e Karluk sente che è successo qualcosa quando erano via ma non fa in tempo a parlarne con i familiari in quanto gli viene la febbre ed è costretto a stare a letto.
Amira si mostra essere molto ansiosa per l'influenza del marito, eccessivamente. Non fa che stargli vicino notte e giorno, accudendolo come una madre ossessiva, quasi del tutto senza riposo nè cibo preoccupando di fatto i familiari che temono per la sua salute più che per il ragazzo.
A fine manga però vediamo tranquillamente che Karluk si è ormai ripreso e "tutto bello imbacuccato" da Amira per non fargli prendere freddo, va a ringraziare il dottore.

Un manga decisamente di contenuto, ben strutturato, disegnato e impreziosito di particolari (sono rimasta senza parole in un capitolo in cui vediamo un vecchio intagliatore di legno all'opera!) che consiglio caldamente a tutti gli amanti dei manga e non solo.
E poi queste atmosfere da "via della seta" sono davvero affascinanti e non possono non conquistare!

Altro manga preso ieri in edicola e che aspettavo da tanto perchè purtroppo è bimestrale. Strobe Edge 4!
Adesso a 4,5 euro perchè la Planet ha deciso di cambiare la carta ai volumi, sostituendola con una più spessa ma non per questo di miglior qualità. Ok i volumi scrocchiano meno, sono più spessi ma sinceramente è antiestetico vedere il libreria una serie che ha i primi volumi in un formato ed i seguenti in tutt'altro...Ma vabbè andiamo avanti che è meglio!

In questo volume ci sono state delle scene che mi sinceramente mi hanno fatta emozionare! Ninako continua ad amare sempre di più Ren ma si sta accorgendo che il suo amore a senso unico forse non le basta più, soprattutto con il passare del tempo.
Ha ricevuto una dichiarazione da Ando che l'ha messa a disagio e che ha reso imbarazzanti i momenti in cui i due si ritrovano da soli o a lavoro o nella strada verso casa. Ando ha paura di aver rovinato l'amicizia con la ragazza ma si è accorto di essersi finalmente innamorato seriamente e ha deciso di lasciar perdere le altre ragazze e di aspettare Ninako. Nel frattempo la nostra protagonista cercherà di comportarsi con naturalezza con il suo amato Ren e i due avranno due occasioni in cui riusciranno ad avvicinarsi e che confonderanno Ren facendogli iniziare a vedere Ninako sotto un'altra luce. Sto parlando della pausa a scuola in cui i due sono seduti sul prato a giocare con il cagnolino "capo-salaryman" e in cui improvvisamente Ren farà da scudo alla ragazza per proteggerla da una pallonata ma il ragazzo andra "incidentalmente" ad appoggiare le sue labbra alla fronte di lei. Si guardano, momento di imbarazzo, lei si allontana confusa e le lacrime iniziano a scenderle automaticamente, chiedendosi cosa sia tutta questa sensazione che non ha mai vissuto prima.
La seconda scena di avvicinamento, in cui però prevale in punto di vista di Ren è quando Ninako si addormenta in metro sulla strada verso casa e in cui si ritroverà appogggiata alla spalla di lui. Il ragazzo è totalmente confuso. Ormai ha capito i propri sentimenti.
Cambiamo personaggi e incentriamoci su Daiki, che personalmente mi ha colpito moltissimo in questo numero e che sta maturando sempre più.
E' felicissimo di stare con Sayuri e le ha comprato un ciondolo che le regalerà per natale.
Una sera però suo padre gli parla annunciando il suo prossimo matrimonio e il successivo trasferimento a Fukuoka. Daiki non sembra molto sconvolto, teme maggiormente la possibile reazione della sorella Mayuka, la quale difficilmente accetterà il matrimonio del padre in quando ha sempre aspettato che i suoi genitori potessero ritornare insieme. 
Daiki decide però di incontrarsi con Sayuri, di sera e le dirà del trasferimento. Il ragazzo non vuole dare un dispiacere al padre e deciderà di seguirlo piuttosto che trasferirsi dalla madre che abita a Tokyo. ( infatti al momento del divorzio Daiki è andato a stare con il padre e sua sorella con la madre).
Daiki è combattuto, non vuole nemmeno allontanarsi dalla ragazza e così per una sera, i due decidono di scappare e vanno verso il mare, parlano di lasciare la scuola, lavorare, stare insieme lontano dai problemi familiari ma una volta al freddo, il ragazzo si domanda cosa stia facendo e si accorge di sbagliare, non può garantire un futuro nè per sè nè tantomeno alla sua ragazza, vuole prendersi cura di lei e così tornano a casa con l'ultimo treno.
Parlano ancora di vedersi spesso durante il mese, di mettere i soldi da parte con il lavoro part time, che la distanza non potrà distruggere il loro amore ma Daiki decide di dale il regalo di natale e le dice addio.
Il giorno dopo non andranno a scuola e gli amici non faranno che parlare di loro.
Successivamente Daiki parlerà con Ninako mettendola al corrente della situazione, lei gli dirà che se davvero tiene a Sayuri dovrà ribellarsi e parlare con la ragazza e suo padre.
Seguirà il consiglio e lascerà intendere all'amica che al momento in cui Mayuka lo saprà avrà bisogno del sostegno di Ren.
Infatti Ren e Mayuka si vedranno, lei si sfogherà dicendogli che non esiste un sentimento immutabile e che anche tra di loro le cose cambieranno e lui le risponderà che non andrà da nessuna parte. 
Daiki parlerà con calma con Sayuri, lei si mostrerà molto matura dicendogli di capirlo della sua confusione ma di non prendere decisioni affrettate sul momento, soprattutto senza consultarla perchè stare insieme significa anche parlarne e prendere decisioni insieme.
Daiki la sera stessa perlerà con suo padre confidando le sue angosce: non vuol dargli un dispiacere ma sapere di lasciare la ragazza di cui è innamorato lo farebbe stare ancora peggio. Suo padre capisce il figlio e adesso lo vede cresciuto senza essene accorto prima. Le scene che seguono sono di uno struggente rapporto padre-figlio.
Questo manga mi fa sempre essere partecipe delle gioie e dolori dei personaggi, mi rivedo in molti di loro soprattutto per le situazioni e sensazioni che vivono.
Non vedo l'ora di leggere il quinto volume sarà dura aspettare!

Cambiando argomento....
Ieri sera è tornata mia sorella da Vienna! E' una città meravigliosa che ho avuto occasione di visitare durante la gita in terza superiore! (Tra l'altro ricordo una fumetteria immensa in pieno centro, mia sorella mi ha confermato che esiste ancora!)
Vi mostro cosa mi ha portato di bello: due smalti della Collezione Miami della Essence uscita da poco e che, almeno qui dove sto io, non penso verrà:


Tra l'altro mi hanno detto che a Vienna vanno molto i colori "fluo", le code di cavallo, le righe e il look vintage. Ci starei bene allora! ; )

Alla prossima!

2 commenti:

  1. bellissimi i manga ma mi piacciono tanto pure i due smalti! non saprei scegliere tra i due, anzi son curiosa di vedere tutti i colori di questa serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me piacciono tanto entrambi! spero che arrivi anche in italia questa collezione fluo! ; )

      Elimina